l'estate per un padre separato / appello di civiltà ai cittadini tutti
pubblicato da infanzia-adolescenza.info - anche diffuso dal quotidiano nazionale IL MESSAGGERO - oggitreviso - maremmanews - tarantosera - sanremonotizie - pensalibero periodico - genitorisottratti - papaseparati.it - comunicazionedigenere.com - cronachelaiche.it - savonaeponente - quisavona.com - 055news.it - mangiasito.it - periodico ilsalvagente.it - quotidiano la tribuna di treviso - quotidiano veneto gvonline - ilpaesenuovo - affari italiani + dibattito e intervista scaturiti - e sulla gazzetta del mezzogiorno con commento del dir. Lino Patruno - si autorizza ed auspica la diffusione

Scrivo la storia di una pratica incostituzionale che si chiama affido esclusivo/prevalente alla madre, pratica che si è iniziato oggi faticosamente a debellare, pratica che i giudici del secolo scorso dicevano fosse "elemento di pace ed equilibrio" nella famiglia appena separata... consuetudine ottusa tutt'oggi dura a morire che ha portato tanta distruzione e inutile dolore nella vita di molti papà e figli.

- -
In breve la mia estate: la ex. parte per le vacanze (Luglio e Agosto) e mi informa a decisione presa nel mese di Giugno, vedo mia figlia l'ultima volta a metà Giugno. Obbligato ad organizzarmi a Settembre fisso tutto e lo comunico alla ex. Lei però per tutto Luglio non risponde, poi qualche giorno fa un SMS di rifiuto; motivi di comodo poi alla fine scrive che la bambina è troppo piccola (4 anni e mezzo...) e quando glielo ha chiesto si è messa a piangere... e che comunque se voglio posso tentare di convincere la bambina per telefono (si avete letto bene, conservo ancora l'SMS originale!).

Due giorni fa finalmente mi viene "concesso" di vedere mia figlia dalle 11 alle 19 del giorno dopo... e poi via e purtroppo dovrò partire per le vacanze già fissate a Settembre da solo. In sostanza da metà di Giugno a metà di Settembre vedrò mia figlia una sola volta, una notte in tre mesi.
- -

Non credo ci sia altro da aggiungere. Nessuno ci ridarà indietro gli anni non trascorsi insieme in serenità come è sano e come dovrebbe essere. Però mi auguro che questa cosa possa non accadere mai più, mai più a nessun’altro genitore e a nessun'altro bambino.

Noi abbiamo una colpa, come cittadini, politici, professionisti, uomini e donne, se questo avviene. Ora però abbiamo il compito di correggere questo errore, un dovere verso le future generazioni, ne siamo obbligati perchè in futuro i nostri figli non possano mai essere deprivati dei figli che avranno.

Questo è l'appello di cui mi faccio portavoce e per primo mi impegno.

.................................................................................................................... (firmato, giovane padre)





(italia, autostrada dell'indifferenza)